ALTA FORMAZIONE dal 2005

VIS TATTOO è un marchio registrato di Teorema srl

Che inchiostro usano i tatuatori?

La tipologia di inchiostro usata dai tatuatori  e le norme igieniche da rispettare contano molto per evitare che possano esserci conseguenze per la salute. Scopriamo tutto sull’inchiostro per tatuaggi, cosa contiene e dove si compra.

Cosa contiene l’inchiostro nero dei tatuaggi?

L’inchiostro per tatuaggi cosa contiene? Gli inchiostri del tatuaggio per la maggior parte contengono pigmenti organici, ma comprendono anche conservanti e contaminanti come il nichel, il cromo, il manganese o il cobalto.

Oltre al nero del carbonio, un altro ingrediente più usato negli inchiostri del tatuaggio è il biossido di titanio (TiO2), un pigmento bianco in genere applicato per creare certe tonalità quando viene mescolato con i coloranti. Tutti gli inchiostri sono composti da pigmenti combinati con un vettore.

Dove comprare inchiostro per tattoo?

L’inchiostro per tatuaggi dove si compra? Non vi è una legge che regolamenta l’acquisto dell’inchiostro per il tatuaggio, quindi i tatuatori possono comprarlo ovunque, anche online. Sul mercato esistono molte marche di inchiostro, con ingredienti diversi e gli abbinamenti vengono fatti in base al colore.

Ovviamente, per evitare che possano insorgere infezioni, bisogna diffidare dei colori venduti a basso prezzo perché potrebbero essere di bassa qualità e di conseguenza potrebbero arrecare danni alla salute. E’ fondamentale scegliere inchiostro per tatuaggi professionali, prodotti dalle marche di inchiostro migliori, perché mettono sul mercato inchiostri tatuaggi sicuri.

Come scegliere l’inchiostro per tatuaggi migliore? Per accertarsi che si tratta di prodotti di qualità, quindi sicuri, si può consultare il sito del Ministero della Salute dove è stato pubblicato un elenco di inchiostri per tatuaggi che sono stati ritirati dal mercato. In questo modo si ha la certezza di comprare un prodotto valido e di qualità.

Se vuoi imparare l’arte del tatuaggio, e stai pensando di farla diventare una professione, scopri il Master of Tattoo di Vistattoo.com

Quali sono i rischi dei tatuaggi?


I rischi dei tatuaggi, quando non vengono rispettate le norme igieniche previste, o la qualità dell’inchiostro è scarsa, possono essere molteplici. In genere possono esserci complicanze infettive oppure non infettive, acute e croniche, e gli effetti collaterali possono iniziare subito dopo aver fatto il tatuaggio, oppure possono manifestarsi anche dopo diverso tempo. Nello specifico, i rischi che possono verificarsi sono:

  • Infezioni batteriche e virali
  • Infiammazioni asettiche acute
  • Reazioni allergiche da ipersensibilità o di tipo autoimmune
  • Dermatosi sottostanti
  • Disordini della pigmentazione
  • Lesioni di nervi con alterazione della sensibilità locale

E’ importante sottolineare che l’allergia al nichel, sostanza presente in svariati coloranti e prodotti, è una reazione comune nella popolazione e che alcuni inchiostri possono contenere sostanze non consentite perché si pensa che siano tossiche o cancerogene. I tatuaggi possono provocare gonfiori o bruciature in caso si fanno esami come la risonanza magnetica e possono invalidare le immagini nei raggi X.

 Inchiostro per tatuaggi temporanei

Per coloro che non vogliono tenere troppo a lungo lo stesso tatuaggio, o comunque vogliono liberarsene senza ricorrere al laser, esiste l’inchiostro per tatuaggi temporanei. Si tratta di un inchiostro particolare, che svanisce dopo un anno, quindi dura per un tempo limitato. Il tatuaggio viene trattato con una speciale soluzione che rimuove le sfere protettive e permette all’organismo di espellere il colorante in maniera naturale.